Home Cannizzato.it Corso Serale ScuolaNet Aetnanet
 
 

  Test Center per

Aica-EQDL Cisco Networking Academy





Aica-ECDL Microsoft Office Specialist
 

  Scuola trasparente

· Albo Pretorio Digitale

· Amministrazione trasparente

· Codice disciplinare

· AVCP

· Organigramma gestione emergenze

· Sito OPENCOESIONE

 

  Orientamento

Orientamento
POF
 

  Scuola certificata in conformità alla norma UNI EN ISO 9001

Scuola certificata in conformità alla norma UNI EN ISO 9001
 

  Presentazione

· Scuola
· Ubicazione e descrizione
· Storia

· Organizzazione

· Dipartimenti

· Contatti

 

  Didattica

· Calendario
· Orario Classi Diurno
· Orario Classi Serale
· Orario docenti Diurno
· Orario docenti Serale
· Programmazioni didattiche docenti diurno
· Programmazioni didattiche docenti serale
· Libri di testo

 

  Collegamenti

· Home
· Corso serale
· ScuolaNext
· Aetnanet
· Sito OPENCOESIONE
· Centro Polifunzionale di Servizio
· Dipartimento di Chimica
· Dipartimento di Informatica
· WebTV ed e-learning

· SchoolBook

· Progetto EEE al Cannizzaro

 

  Segreteria

· Modulistica
· Tasse scolastiche
· Graduatorie d'Istituto

 

  Focus

· Consorzio Aetnanet
· Centro Polifunzionale di Servizio
· Rete TSSS

· Rete ENIS

· Scuola ASAS

· MSDN Academic Alliance

 

  Testata a rotazione


Iniziative
[ Iniziative ]

·L'informatica - un opportunità di lavoro al Cannizzaro
·Giornata dell’ecologia all’ITI Cannizzaro
·Conferenza polizia scientifica-laboratori chimici delle dogane
·CanniSlaoRadio scende in campo!
·All’ITI Cannizzaro si parla del ruolo della religione nella società odierna
·Seminario “8 marzo tra lavoro e crisi economica: esperienze a confronto”
·Le meraviglie della luce
·Le meraviglie della luce
·ANNULLO FILATELICO, PER LA MANIFESTAZIONE “LE MERAVIGLIE DELLA LUCE”
 

  Archivio News

Seleziona il mese da vedere:


[ Mostra tutti gli articoli ]
 

 
  Specializzazioni - Meccanica





- Specializzazione Meccanica -

FINALITA’ E OBIETTIVI

 

Dagli anni ’50 la Meccanica, risentendo dello sviluppo tecnologico industriale, in particolare “l’automazione”, si è evoluta  (adeguandosi) attraverso l’utilizzazione degli elaboratori e delle macchine a “controllo numerico”, vere e propri robot.
Pertanto le aziende di oggi utilizzano tecnologie sempre più sofisticate, schemi di organizzazione del lavoro complessi e processi di controllo sempre più raffinati.
Si diffonde sempre più la figura del Perito Industriale necessario  nella grande azienda, insostituibile nella piccola e media, deve saper progettare, programmare i cicli di lavoro, scegliere razionalmente le macchine necessarie, sovraintendere al loro funzionamento, garantire la qualità dei prodotti finiti, assicurar la sicurezza degli impianti di produzione.

Obiettivo del curricolo è quello di definire una figura professionale capace di inserirsi in realtà produttive molto differenziate e caratterizzate da rapida evoluzione, sia dal punto di vista tecnologico sia da quello dell'organizzazione del lavoro.
Nel settore meccanico, l'obiettivo si specifica nella formazione di una accentuata attitudine ad affrontare i problemi in termini sistemici, basata su essenziali e aggiornate conoscenze delle discipline di indirizzo, integrate da organica preparazione scientifica nell'ambito tecnologico e da capacità valutative delle strutture economiche della società attuale, con particolare riferimento alle realtà aziendali.

Il corso si propone di fornire le ragioni logiche inerenti a ciascun processo, sia di natura tecnica che economica, con la realizzazione pratica di pezzi meccanici.

 Oltre al naturale impiego nelle aziende meccaniche, metalmeccaniche e manifatturiere e all’insegnamento negli istituti tecnici e professionali, il Perito meccanico può esercitare la libera professione previa iscrizione all’albo  professionale, potendo occuparsi di infortunistica stradale, rilevamento e valutazione danni.

Inoltre il Perito meccanico può svolgere funzioni di progettazione e direzione lavori per impianti termici ed istallazioni meccaniche  e di tecnico addetto alla Sicurezza sul lavoro.

  

 

QUADRO ORARIO SPECIALIZZAZIONE MECCANICA

 

Discipline  del piano di studio

Ore settimanali per anno di corso

Prove di
esame (a)

Classi di 
Concorso

 

 

 

Religione/Attività alternative

1

1

1

-

-

Lingua e Lettere italiane

3

3

3

S.O.

50/A

Storia

2

2

2

O.

50/A

Lingua straniera

3

3

2

S.O. (b)

346/A

Economia ind.le ed Elementi di Diritto

-

2

2

O.

19/A

Matematica

4(1)

3(1)

3(1)

S.O.

47/A (32/C)

Meccanica applicata e Macchine a  fluido

6(2)

5(2)

5

S.O. (c)

20/A (32/C)

Tecnologia meccanica ed Esercitazioni

5(5)

6(6)

6(6)

O.P.

20/A(32/C)

Disegno, Prog. ed Org.ne industriale

4

5(3)

6

S/G.O. (c)

20/A(32/C)

Sistemi ed Automazione Industriale

6(3)

4(3)

4(3)

O.P.

20/A(32/C)

Educazione fisica

2

2

2

P.O.

29/A

Area di progetto

*

*

*

 

*

Totale ore settimanali

36

36

36

 

 

 

(a) S. = scritta; O. = orale; S/G. = scritto-grafica; P. = pratica. 

(b) Nel quarto e quinto anno la prova è solo orale.

(c) Le ore di compresenza con il docente tecnico pratico (indicate tra parentesi) saranno ripartite rispettivamente tra 3° e 4° anno per "Meccanica applicata e Macchine a fluido" e tra 4° e 5° anno per "Disegno, Progettazione ed Organizzazione industriale" nell'ambito della programmazione annuale, in  base alle specifiche esigenze didattiche, con delibera dal Consiglio di classe ratificata da Collegio dei  docenti.

* All'area di progetto, che rappresenta un indispensabile momento di sintesi da realizzarsi con una attività progettuale interdisciplinare, deve essere destinato un numero di ore non superiore al 10% del monte ore annuo delle discipline coinvolte in questa attività.

 

 

 

PROFILO PROFESSIONALE DEL PERITO MECCANICO

 

Le caratteristiche generali di tale figura sono le seguenti:

  • versatilità e propensione culturale al continuo aggiornamento;

  • ampio ventaglio di competenze nonché capacità di orientamento di  fronte a problemi nuovi e di adattamento alla evoluzione della  professione;

  • capacità di cogliere la dimensione economica dei problemi.

Per tali realtà, il Perito Industriale per la Meccanica, nell'ambito del proprio livello operativo, deve:

 

a) conoscere i principi fondamentali di tutte le discipline necessarie per una formazione di base nel settore meccanico ed in particolare:

  • delle caratteristiche di impiego, dei processi di lavorazione e del controllo di qualità dei materiali;

  • della organizzazione e gestione della produzione industriale;

  • delle norme antinfortunistiche e di sicurezza del lavoro;

  • dei problemi connessi all’utilizzo razionale dell’energia;

b) avere acquisito sufficienti capacità per affrontare situazioni problematiche in termini sistemici, scegliendo in modo flessibile le strategie di soluzione; in particolare, deve avere capacità:

  • di lettura ed interpretazione di schemi funzionali e disegni di impianti industriali;

  • di scelta delle macchine, degli impianti e delle attrezzature;

  • di utilizzo degli strumenti informatici per la progettazione, la lavorazione, ed al controllo del processo industriale.

Il Perito Industriale per la Meccanica deve, pertanto, essere in grado di svolgere mansioni relative a:

  • fabbricazione e montaggio di componenti meccanici, con elaborazione di cicli di lavorazione;

  • programmazione, avanzamento e controllo della produzione nonché all'analisi ed alla valutazione dei costi;

  • dimensionamento, installazione e gestione di semplici impianti industriali;

  • sviluppo di programmi esecutivi per macchine utensili e centri di lavorazione CNC.


[Torna Indietro]









Copyright © by Istituto Tecnico Industriale "S.Cannizzaro" di Catania Tutti i diritti riservati.

Pubblicato su: 2007-10-11 (3147 letture)

[ Indietro ]
 
 

Content ©

 
 

powered by PHPNuke - created by Mikedo - designed by Clan Themes


| Torna Su | Home Page | Documenti |