Home Cannizzato.it Corso Serale ScuolaNet Aetnanet
 
 

  Test Center per

Aica-EQDL Cisco Networking Academy





Aica-ECDL Microsoft Office Specialist
 

  Scuola trasparente

· Albo Pretorio Digitale

· Amministrazione trasparente

· Codice disciplinare

· AVCP

· Organigramma gestione emergenze

· Sito OPENCOESIONE

 

  Orientamento

Orientamento
POF
 

  Scuola certificata in conformità alla norma UNI EN ISO 9001

Scuola certificata in conformità alla norma UNI EN ISO 9001
 

  Presentazione

· Scuola
· Ubicazione e descrizione
· Storia

· Organizzazione

· Dipartimenti

· Contatti

 

  Didattica

· Calendario
· Orario Classi Diurno
· Orario Classi Serale
· Orario docenti Diurno
· Orario docenti Serale
· Programmazioni didattiche docenti diurno
· Programmazioni didattiche docenti serale
· Libri di testo

 

  Collegamenti

· Home
· Corso serale
· ScuolaNext
· Aetnanet
· Sito OPENCOESIONE
· Centro Polifunzionale di Servizio
· Dipartimento di Chimica
· Dipartimento di Informatica
· WebTV ed e-learning

· SchoolBook

· Progetto EEE al Cannizzaro

 

  Segreteria

· Modulistica
· Tasse scolastiche
· Graduatorie d'Istituto

 

  Focus

· Consorzio Aetnanet
· Centro Polifunzionale di Servizio
· Rete TSSS

· Rete ENIS

· Scuola ASAS

· MSDN Academic Alliance

 

  Testata a rotazione


Sport
[ Sport ]

·Campionato di Pallavolo Cannizzaro - Calendario Girone Triennio
·Campionato Interno di Pallavolo Maschile - Girone Biennio
·Progetto educativo-ambientale ''Il mare a scuola attraverso una maschera'' 
·Risultati attività sportiva dell'ITI ''S Cannizzaro''
·Progetto di turismo ambientale ''Il mare a scuola.....attraverso una maschera''
·Attività Sportiva Scolastica – Finali regionali di GSS Sci 2006.
·Giochi Sportivi Studenteschi 2005/2006. Integrazioni Regolamenti Tecnici e Sched
·Al nastro di partenza 18 nuovi progetti PON per il 2004
·Evento Microsoft il 21 maggio 2004 al Cannizzaro
 

  Archivio News

Seleziona il mese da vedere:


[ Mostra tutti gli articoli ]
 

 
  Progetti: Friburgo, la città più green che esiste
Postato il Domenica, 20 ottobre 2013 ore 01:24:02 CEST di r-bonaccorso
 
 
  News

Poche auto, tanto verde e un quartiere eco che funziona con energia pulita “Un modello da capire ed esportare”

Gli allievi dell’ITI “Cannizzaro” nell’ambito del corso IFTS “Tecnico superiore per il monitoraggio e la gestione del territorio e dell’ambiente” hanno visitato, a conclusione del percorso didattico, la città di Friburgo, un esempio di città ecosostenibile. Qui l’ecologia applicata è uno stile di vita quotidiana: un abitante su due non usa la macchina e la restante metà è fortemente incoraggiato a utilizzare il car sharing. Gli edifici funzionano a pannelli solari e fotovoltaici, ci sono le colonnine che monitorano al quantità di CO2 nell’aria e ogni cosa in città si illumina con energia pulita. A rafforzare questa politica, vi sono incentivi comunali, da sommarsi a quelli federali, erogati dallo Stato tedesco.



Basta prendere un tram, dal centro di Friburgo, per arrivare al quartiere periferico di Vauban. Qui la prima cosa che colpisce è l’intensità dei colori: il giallo, il rosso e l’arancione delle case, il verde dei giardini onnipresenti, il blu dei pannelli solari. La seconda è la scarsa presenza di auto. La terza, i giardini pubblici gestiti dai cittadini e vissuti dai bambini.

Il quartiere di Vauban, in passato zona militare, è stato ricostruito coi criteri della bioedilizia. Le abitazioni sono fatte in legno e vetro e funzionano con il fotovoltaico e con il teleriscaldamento a biomasse. La guida turistica ci tiene a sottolineare come a Vauban esistono soltanto condomini passivi. Il concetto di abitazione passiva indica quelle costruzioni nelle quali il consumo energetico è molto basso tutto l’anno. Le palazzine sono rivolte verso il sole e anche nel freddo inverno tedesco in casa ci sono circa 24 gradi grazie ad un impianto di cogenerazione alimentato esclusivamente da trucioli di legno e gas naturale, agganciato alla rete del riscaldamento, mentre la riduzione del 60% delle emissioni di CO2, è garantita dall’efficienza dell’utilizzo del calore.

L’acqua piovana viene raccolta ed utilizzata per le case e per l’irrigazione del terreno.

Continuando la passeggiata tra le case ed il verde, non poteva mancare un occhio di riguardo verso la problematiche del traffico e dell’inquinamento causato dalle automobili: a Vauban si è proceduto in modo da ridurre la presenza delle auto, mentre i pochi parcheggi sono situati al di fuori del quartiere. Il potenziamento dei mezzi pubblici ha inoltre permesso al 40% delle famiglie di non aver bisogno della macchina, perché è presente il car-sharing, ma soprattutto perché coloro che non utilizzano il parcheggio godono di veri e propri incentivi economici.

Per costruire il quartiere sostenibile “Vauban” non è stato necessario abbattere alberi secolari, anzi, le aree verdi sono state pensate e sviluppate insieme ai futuri residenti, così che molte strade  e aree pubbliche sono a completa disposizione dei bambini.

Fantascienza? No, siamo in Germania, vicino al nostro Paese; e purtroppo l’ecocittà  che per noi è ancora impensabile, per altri è già semplice quotidianità.

Prof.ssa Angela Percolla

ITI Cannizzaro Catania

 

 

 
 
  Links Correlati

· Inoltre News
· News by r-bonaccorso


Articolo più letto relativo a News:
Trasferimenti Docenti

 

  Valutazione Articolo

Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente

 

  Opzioni


 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico

 


 
 

powered by PHPNuke - created by Mikedo - designed by Clan Themes


| Torna Su | Home Page | Documenti |