ITI ''Cannizzaro'' - Interpretare i cambiamenti ambientali in corso per saper af
Data: Venerdì, 12 giugno 2009 ore 00:44:35 CEST
Argomento: Corsi


Giovedì 4 Giugno 2009 nell’ambito del progetto IFTS “Tecnico superiore per il monitoraggio e la gestione del territorio e dell’ambiente” si è svolto a Catania, presso l’AGA Hotel, il seminario dal titolo “Interpretare i cambiamenti ambientali in corso per saper affrontare le sfide del ventunesimo secolo”.

Al seminario, organizzato dall’ITI Cannizzaro di Catania, Polo ambiente per la Sicilia, hanno partecipato tutti i formatori del percorso Istruzione e Formazione Tecnica Superiore, nonché alcuni rappresentanti dei patner del POLO AMBIENTE: ITI Alessandro Volta Palermo - IISS Augusta - ITI Maiorana Ragusa - ITI Maiorana P.zza Armerina - Liceo Benedetto Croce Palermo - IIS Furci Siculo - IIS Mario Rapisardi Paternò - ITI Marconi Messina - Universita’ degli Studi di Catania - CUTGANA - Universita’ degli Studi di Palermo Facoltà di Ingegneria - Centro Studi di Economia applicata all’Ingegneria Catania -ENFORM- Consorzio multimedia - ACIM srl - Centro studi Chimica Sviluppo Ambiente. Dopo il saluto del Prof. Salvatore Indelicato, Dirigente Scolastico dell’ITI Cannizzaro, il Prof. Angelo Panvini, ispettore tecnico del MIUR – Roma , ha sottolineato l’evoluzione del sistema IFTS dal 2001 al 2007 sul piano organizzativo e metodologico e il nuovo quadro di riferimento ossia il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 25 gennaio 2008 che prevede la riorganizzazione del sistema dell’IFTS e la costituzione degli istituti tecnici superiori (ITS) che saranno configurati secondo lo standard organizzativo della fondazione di partecipazione.



Il seminario è poi proseguito con gli interventi del Dott. Iannò Antonino – Direttore regionale delle Dogane- che ha illustrato la nuova funzione istituzionale delle dogane a tutela dell’ambiente e del territorio e del dott. Mirco Milani del CSEI-Catania che ha illustrato i sistemi di fitodepurazione per l’affinamento delle acque reflue.

Nel pomeriggio il prof. Vincenzo Piccione, docente dell’Università di Catania ha illustrato alcuni recenti e possibili scenari futuri che intercorrono tra l’uomo e l’ambiente. L'erosione, la salinizzazione e la siccità costituiscono concrete minacce non solo allo sviluppo ma anche al mantenimento degli attuali livelli di qualità ambientale e produttiva nella regione Sicilia.

Il Prof. Piccione ha messo in evidenza come le attività umane quali disboscamento, abbandono delle terre divenute improduttive, urbanizzazione delle coste, spesso concorrono a determinare la sensibilità del territorio siciliano alla desertificazione e forse sono proprio queste fra le cause principali dei fenomeni di degrado del territorio che affliggono attualmente l'isola.

Successivamente è intervenuto il Prof. Bruno Catara che ha illustrato il ruolo del laboratorio privato nell’analisi e controllo ambientale e il Prof. Riccardo Maggiore, direttore dell’azienda ACIM di Catania,che ha approfondito il tema riguardante i cambiamenti climatici e le risorse idriche mondiali.

La Formazione formatori è poi proseguita giorno 5 Giugno con la visita all’impianto di fitodepurazione di San Michele di Ganzaria. L’impianto che promuove la conservazione della biodiversità ed ha un buon impatto ambientale, è caratterizzato da una notevole semplicità costruttiva e interventi di esercizio e di manutenzione molto semplici. Il Dott. Milani e il Prof. Barbagallo, docente della facoltà di Agraria di Catania, hanno accompagnato i docenti lungo le due vasche di fitodepurazione illustrando il processo e la tecnologia dell’impianto.

 Soddisfatti i docenti e gli operatori del corso IFTS che si augurano mediante tale percorso di qualificare giovani specialisti nel settore della salvaguardia dell’ambiente.

Prof.ssa Angela Percolla

 

  







Questo Articolo proviene da Istituto Tecnico Industriale "S.Cannizzaro" di Catania
http://www.cannizzaroct.it

L'URL per questa storia è:
http://www.cannizzaroct.it/modules.php?name=News&file=article&sid=1150